Voxart goes to London: Una giornata all’Olympic Park

ArcelorMittal Orbit, Aquatics Center, London Olympic Stadium e il Basketball Arena sono le grandi gioiello-strutture erette per ospitare gli ormai passati giochi olimpici di Londra 2012.

Purtroppo l’accesso al parco e’ impossibile senza pass e devo accettare, a mio malgrado, di gustare le opere di alcuni dei miei architetti preferiti da lontano.

Arrivando dal centro di Londra col treno, col bus o dalle numerose piste ciclabili realizzate ad hoc, il cielo grigiastro viene interrotto da una controversa struttura rossa: ecco “Orbit”, ibrida rete di arte e struttura non lineare e dinamica che porta la firma di Anish Kapoor e Cecil Balmond.

Sono 560 metri di tubo di acciaio rosso, con  2000 tonnellate di acciaio utilizzato da fonti riciclate che vengono presentate col nome di ArcelorMittal Orbit, collocato tra lo Stadio Olimpico più eco del mondo ed il centro Acquatico by Zaha Hadid, nel quale si può accedere tramite l’ascensore centrale; si sale così nella torre d’acciaio per aggiudicarsi un angolino nella piattaforma di osservazione ed ammirare tutta la città dall’alto.

Altrettanto emozionanti sono i 455 gradini che si percorrono per raggiungere la terra durante la discesa; Orbit infatti e’ la più alta scultura del Regno Unito, ben 22 metri più alta della Statua della Libertà di NYC che misura 114,5 m.

Definita “Simbolo di prosperità e crescita”, da Boris Johnson, sindaco di Londra, Orbit deve anche alla scelta dell’acciaio, dinamica utilizzata dai  grandi maestri dell’architettura del passato, il suo punto forte poiché esprime al meglio le proprietà uniche di questo metallo come forza, struttura modulare, vantaggi di peso e velocità nella costruzione.

Il tutto è possibile vederlo anche dal Centro Commerciale più grande d’Europa, il Westfield, che ospita al suo interno i monomarca dei grandi brand della moda e, per i golosi come me, il meglio del food internazionale.  

Una sosta che vale la pena di fare in questa città per riempirci la vista della bellezza di questa struttura e visto che ci siamo anche lo stomaco.

 This is London… 

voxart-goes-to-london-olympic-park-1

voxart-goes-to-london-olympic-park-2

voxart-goes-to-london-olympic-park-3

voxart-goes-to-london-olympic-park-4

 

di , Project Manager @ Voxart
Seguimi su Twitter oppure aggiungimi su Google Plus