Come cambia la fotografia. Dal Photoshow non ci resta che fotografare

Dal 22 al 25 marzo le novità tecnologiche e la passione della fotografia si sono trovate a Milano nella 14° edizione del Photoshow.

Le proposte non sono poche: dalle fantasticherie futuribili che attirano l’interesse di fotografi e appassionati,come gli ultimi Occhiali 3D Portable della Zeiss che permettono la visione di media 3D trasmessi direttamente anche da uno smartphone, a nuovi strumenti in grado di scattare foto aeree tramite piccole macchine volanti telecomandate che montano apparecchiature fotografiche d’avanguardia.

È ormai ufficiale l’ integrazione di tecnologie a tutte le ultime fotocamere: come l’installazione Gps, che consente un immediato geotagging all’interno dei metadata delle foto scattate, e il Wifi, per un trasferimento veloce e una possibile gestione dei file da remoto.

Ciò darà una prospettiva diversa nella gestione delle proprie foto e una notevole velocità nel tempo tra lo scatto e il trasferimento su Internet, proprio come se le fotografie fossero scattate da uno smartphone.

Ultima ma non meno importante è la prova dell’abbattimento di un muro tra macchine reflex e compatte quando, fino ad ora, il termine “compatta” era associato ad una macchina digitale scadente, di bassa qualità.

È uscita infatti la nuova Sony RX1, Compatta Full Frame con Ottica Zeiss 35 mm, che in piccole dimensioni contiene la qualità professionale di una reflex.

I lati negativi? Un solo obiettivo e un costo non indifferente.

Tra novità, stand e workshop sono state organizzate giornate interessanti e divertenti all’insegna della buona fotografia.

Ora non ci resta che fotografare!

https://www.facebook.com/PhotoshowItalia

come-cambia-fotografia-photoshow-1

come-cambia-fotografia-photoshow-2

come-cambia-fotografia-photoshow-3

 

di Gianmarco CauzziWeb Developer Junior @ Voxart