Nuova Xbox One… il punto di vista di un giovane gamer appassionato

Finalmente è stata presentata la nuova console del colosso di Redmond e come già preannunciato dalle direzioni prese dalle nuove tecnologie, l’importanza del cloud si fa sempre più presente, e diventa un modo per spostare verso remoto il carico di lavoro che altrimenti dovrebbe fare la console.

Insomma la direzione non è più solo nell’implementazione grafica dei giochi ma qualcosa di più.

Proprio per questo la nuova Xbox One ancora più della 360 sarà uno strumento per la vita quotidiana.

Non solo giochi, ma televisione, lettore multimediale, tutto gestibile tramite la voce e i gesti.

xboxone_2

Questo grazie alla sempre più precisa Kinect 2.0, che ha aumentato le sue possibilità tanto da riuscire a tracciare 6 corpi diversi e poter monitorare i dati biometrici e comprendere i muscoli facciali.

E i giochi? Non passano in secondo piano, ma sono semplicemente parte di qualcosa di più grande.

Spaziano soprattutto tra avventura e sport, generi che danno molta importanza al gaming multiplayer, diventata ormai la parte veramente centrale dei giochi Xbox.

Sicuramente le tecnologie di intrattenimento sono fantastiche e sbalorditive!

I giochi hanno una grafica mozzafiato che può essere condivisa insieme con amici e in aggiunta a tutte le altre novità che sicuramente sono indispensabili per conquistare altre fette di mercato.

Ma a noi gamer poco interessa!

Sarebbe interessante scoprire se queste nuove tecnologie offriranno un contenuto più emozionante e capire se i giochi saranno veramente all’altezza delle loro potenzialità.

Una maggior libertà di gioco e l’intelligenza dei personaggi è permessa dalla Kinect ma l’intensità e la validità della storia?

Non ci resta che sperare.

xboxone_1

 

di Gianmarco CauzziWeb Developer Junior @ Voxart